Links  |  Richiesta info  |  Riservato  |  Credits   

: DAVE SMITH
 

www.davesmithinstruments.com/

 

 
   

 



DAVE SMITH
Da Dave Smith, il progettista di tutti i prodotti della Sequential Circuits come il Prophet 5, della Wavestation Korg e padre del protocollo MIDI, ecco i nuovi sintetizzatore analogici

Prodotti | Recensioni | Suoni | Dave Smith



Prodotti:

 
Pro 2  

Mopho Keyboard Mopho


tempest
Prophet6 Prophet8


tetra tempest
Tetra Tempest


Evolver Evolver Keyboard




Poly Evolver Poly Evolver Keyboard



Recensioni

Recensione e KEY BUY award in Keyboard magazine
(http://www.davesmithinstruments.com/downloads/MEK_review.pdf )




Suoni

Evolver Mono
Ecco come "suona" l'Evolver ! Tutto è stato registrato in diretta, nessuna sovraincisione o effetto è stato aggiunto ed suoni sono tutti da uno strumento MONOFONICO.
( http://www.davesmithinstruments.com/evolver/sounds.html)

Poly Evolver
E come suona il poly Evolver
( http://www.davesmithinstruments.com/polyevolver/sounds.html)



Qualche parola da Dave Smith

Prima di tutto, mi sono abbastanza stancato dei synth virtuali. Dopo aver realizzato il primo soft-synth professionale (Reality di Seer Systems) tanto tempo fa ed aver consegnato più di 10 milioni dei primissimi synth virtuali, trovo che ora mi sono stancato di prodotti basati su computer e che preferisco di gran lunga dedicarmi a vero hardware. Naturalmente software e computer rappresentano il futuro, non sto contestando questo. Ma c'è qualcosa di più divertente come designer nel progettare nuovamente qualcosa che ha a che fare con hardware dedicato che si può toccare e tenere in mano. Forse sono anche influenzato dal fatto che adesso ci sono una miriade di synth virtuali là fuori, e in numero crescente tutti i giorni. E considerando il fatto che il software, specialmente quello musicale, viene regolarmente e facilmente copiato, un prodotto hardware diventa la "chiave" definitiva.
Mi sono anche entusiasmato rispetto all'hardware mentre aiutavo Roger Linn con il suo progetto Adrennalinn (andate a vederlo su www.RogerLinnDesign.com). Così, ho cominciato a progettare Evolver l'estate scorsa e fino ad adesso è stato veramente divertente - E' passato tanto tempo dall'ultima volta in cui ho lavorato da solo ad un progetto.

é davvero Retrò???
Bene, questa non era la mia intenzione, sebbene suppongo che qualsiasi cosa con veri filtri analogici a controllo di voltaggio rientri certamente in quella categoria. Ho ricevuto molte richieste negli anni passati di rifare le vecchie apparecchiature Sequential, e più tardi di progettare versioni software di quegli stessi prodotti. Come progettista di sintetizzatori, non sento alcun desiderio di rifare un prodotto. Se si vuole il vecchio prodotto, lo si può ancora trovare in giro. Mi piacciono le cose nuove. Nuovi suoni.
Il concetto di Evolver è quello di generare nuovi suoni che si...evolvano. Suoni che cambino leggermente o drammaticamente. Si può guardare indietro al Prophet-VS e Korg Wavestation come esempi precedenti di strumenti che non sono mai statici. E poi, devo ammetterlo, l'analogico ha ancora un timbro più caldo, più naturale, parzialmente dovuto al fatto che non è mai perfetto; "it has that natural slop". Si, ci sono anche synth digitali molto belli in giro; persino alcuni che emulano matematicamente i synth analogici e gli danno dei punti. Non penso che l'analogico sia sempre meglio o che il digitale sia sempre meglio; sono solo diversi.
Così, Evolver possiede i componenti analogici, come pure alcuni componenti digitali. Sto cercando di generare nuovi suoni attraverso l'interazione di elettronica analogica e digitale. Il meglio dei due mondi. Mi è sempre piaciuto il feedback nei sintetizzatori, e quindi c'è un uso estensivo di feedback intonabile in Evolver, connettendo i loop di feedback digitale con l'elettronica analogica. Mi piacciono i suoni che si gonfiano ed esplodono, prevedibilmente oppure no. Quando i suoni esplodono digitalmente, possono danneggiare l'udito - mi è capitato tante volte progettando synth virtuali! Tuttavia, quando Evolver "impazzisce", il circuito analogico in realtà riesce a tenere a bada il segnale abbastanza in modo che il risultato sia un suono selvaggio, piuttosto che doloroso. In più il feedback si muove costantemente e in modo diverso in ogni canale (ogni canale ha un percorso di feedback indipendente), dando ai suoni un ambienza stereo veramente originale.
In realtà, il nome del prodotto è venuto suonando il sintetizzatore. Originariamente il prodotto doveva chiamarsi Noise, perchè ho sempre desiderato progettare un synth con quel nome. Ma un giorno prima del NAMM a metà Gennaio ho terminato lo sviluppo per aver abbastanza tempo per programmare dei suoni per la fiera e sono stato subito impressionato dalla natura organica del synth. Organico è una parola stupida da usare la maggior parte delle volte, così è saltato fuori il nome Evolver (grazie Denise!).

Perchè un synth monofonico? Perchè un piccolo e poco costoso strumento da tavolo? Ebbene, prodotti più semplici si possono progettare più velocemente, facilmente e a più basso costo. In più i synth monofonici possono essere molto divertenti - ci sono dei benefici quando si elimina tutto il "bagaglio" polifonico. Vi sorprenderà anche sapere quanto suono si riesce ad ottenere con una voce, specialmente con quattro oscillatori. Ciò permette anche di utilizzare il synth come un effetto con ingressi e uscite stereo. "Overall, we're talking bang-for-the-buck".





.: Copyright © LEMI.org  
HOME PAGE